lunedì 10 settembre 2012

One month in the USA

Ciao a tutti!
Sono ancora viva, si. Ve l'avevo detto di non abituarvi troppo bene ai ritmi iniziali. La mia vita qui è abbastanza piena tornando a casa praticamente tutti i giorni alle 6. Comunque sia qui sta andando davvero tutto bene. L'ultima volta che vi ho scritto era il 18 Agosto e da quel momento sono successe molte cose ma devo ammettere che in questo momento è come se avessi la mente vuota haha Ogni giorno che passa mi piace sempre di più e non riesco proprio a credere che sia già passato più di un mese da quanto sono arrivata qui in Indiana.
Non starò qui a raccontarvi giorno per giorno cos'ho fatto perché non ne ho proprio voglia e credo che vi addormentereste dopo il primo giorno. Comunque sia la mia giornata tipo è: sveglia alle 6.30-pullman alle 7.20-scuola comincia alle 8.20-pranzo alle 12.05-altre tre ore di lezione fino alle 15.15-allenamenti di calcio dalle 15.30 alle 17.30/18-doccia-cena-compiti-tv-sleep. E almeno una volta a settimana ho una partita quindi devo dire che non ho molto tempo libero.
Sono ancora in pieno periodo "prime volte", sto provando un sacco di cose (...non solo cibo! haha).
-FOOTBALL GAME: è stato davvero divertentissimo. La nostra squadra di football è davvero penosa, basta dire che in 4 partite non ne abbiamo ancora vinta una e tutte in maniera disastrosa della serie 1-71/0-47. Però la verità è che nessuno fa attenzione alla partita, è principalmente un "social event" (pieno di "drama"!). Ci sono andata con alcune amiche e ho conosciuto tanta gente. Anche il venerdì dopo ci sono tornata e anche quella volta mi sono diverita.
-DEEP FRIED FOOD: sabato 24 Agosto siamo andati alla Kentucky State Fair a Louisville. Una sorta di fiera dell'artigianato dove le specialità che non potevi non provare erano varie cose fritte e strafitte. Un esempio? Deep fried snickers. Non l'ho provato, non ce l'ho fatta. Continuavo a pensare alla mia mammina che mi aveva detto che era la barretta più calorica che esistesse haha quindi ho optato per dei buonissimi e ciccionissimi "girls boys scout cookies". Una delle cose più buone e caloriche che abbia mai mangiato *.*
-WALMART: semplicemente fantastico. Lo adoro. Entrarci mi ha fatto capire quanto sono figlia dei miei genitori, di mia mamma in particolare. C'è tutto e per ogni cosa ci sono mille varianti. Credo che una persona non conosca veramente come sono gli americani se non ci entra. Qui di fianco vi metto la foto dell'espositore di Pop Tarts, c'ho messo almeno 5 minuti a scegliere che tipo volessi. E vi assicuro che c'era una corsia solo di salse e quella del pane a fette è a dir poco impressionante. Per non parlare di un espositore grande come questo qua di fianco solo di cetrioli sottolio. E le confezioni sono davvero giganti per la maggior parte delle cose.
-FUND RAISER: settimana scorsa abbiamo fatto una raccolta fondi per soccer da Dairy Queen. In pratica dovevamo portare i vassoi ai tavoli e poi pulire i tavoli, è stato divertente e forse la prima volta che lavoravo veramente.
-COOKING ITALIAN FOOD: se non mi vedete tornare è perché ho aperto un ristorante italiano. Una volta a settimana io e Bethany cuciniamo italiano. Questa sarebbe l'idea a dir la verità ma siamo riusciti a cucinare solo due volte alla fine: una volta farfalle panna, prosciutto e piselli e l'altra volta fettuccine con polpa di granchio. Tutte due le volte è stato buonissimo, sono molto orgogliosa di me stessa haha. Ma il meglio è stato cucinare la carbonara per 20 persone. Difatti venerdì sera ho cucinato per la maggior parte delle ragazze di soccer visto che sabato abbiamo avuto un torneo e quindi avevamo bisogno di carboidrati la sera prima. E' venuta molto buona ed è piaciuta a tutte! Il mio destino è quindi deciso haha
-MOTORBIKE: Ieri sono andata per la prima volta su una moto e mi è piaciuto un sacco! Difatti il mio hostdad ha un harley davidson e ieri siamo andati a prendere un paio di cose al grocery store con quella. Peccato che non è stato un lungo tragitto haha
-FOOD IN GENERAL: Ci sono un sacco di cose che ho assaggiato e naturalmente mi sono piaciuti tutti haha il cibo americano non si può dire che non sia buono! Molti penseranno che sia un po' una pazzia ma adoro la pizza americana, Chicago style soprattutto :) Poi loro adorano il cibo messicano e non mi lamento affatto...chicken quesadillas <3 E devo anche dire che il padre è veramente bravo a cucinare, adora il bbq ed è praticamente sempre lui a cucinare quindi mi sto trovando molto bene sotto questo punto di vista anche perchè frutta e verdura non mancano mai :)

Per oggi ho finito!
Mi mancate tutti tanto, vi voglio bene :)
P.S: se lasciate un commento apprezzo molto!! :D
Simo

sabato 18 agosto 2012

American School

Hey guys,
prima di tutto vi mando un superabbraccio dall'Indiana. In questa settimana ho realizzato forse per la prima volta quanto mi manchino e mi mancheranno alcune persone. Diciamo che ho la lacrima facile anche se comunque sia non lo faccio vedere agli altri. Comunque sia non voglio farvi venire la tristezza pure a voi quindi parto subito a raccontarvi come stanno andando questi primi giorni di scuola.
Il primo giorno di scuola naturalmente ero molto agitata e emozionata. Qui affianco trovate la foto di me e Bethany prima di andare a scuola. Arrivati a scuola, siamo andati tutti nella palestra (gigantesca) per sentire il preside che ha presentato il nuovo responsabile disciplinare e dei nuovi insegnanti. Le lezioni sono state più corte del solito e durante il terzo periodo tutti noi juniors siamo andati nell'auditeria (la mensa) per la presentazione delle nuove regole. Ci sono un sacco di regole strane che onestamente non ricordo neppure. Possiamo indossare ciabatte o infradito ma niente jeans bucati (non importa se non si vede la pelle), which is sad perchè i miei jeans preferiti sono leggermente bucati :(
Fortunatamente quando è arrivato l'ora del pranzo non ho avuto uno di quei momenti da film in cui non sai a quale tavolo sederti e ti ritrovi a mangiare il tuo pranzo in una toilette, infatti mangio sempre (almeno per ora) con Bethany e i suoi amici.
Devo ammettere che farsi amici non è facile. I mean, parlo con un sacco di persone ma non posso ancora chiamarli realmente amici, credo che altri exchange students mi capiscano. Forse ci sono un po' di persone con cui mi trovo molto bene e che potrei chiamare amici però forse è ancora un po' affrettato.
Tornando alla scuola, credo che procederò period per period perchè ho davvero un sacco di cose da dire.

1st period, TRIGONOMETRY: come si può cominciare meglio la giornata se non con una bella ora di trigonometria?! Per lo meno la prof è dolcissima e davvero brava. Tra l'altro insegnava tedesco all'università e quando ha scoperto che lo parlavo anch'io ha cominciato a parlarmi in tedesco con tutta la classe che ci guardava come se fossimo due pazze. Trigonometria è abbastanza difficile e durante il weekend ci da davvero tanti compiti (alla faccia di quelli che dicevano che non avrei fatto niente tutto l'anno!) ma comunque sia non dobbiamo imparare nozioni a memoria; qui sono molto più pratici e non credo che sia un male a dir la verità. Tra l'altro ogni mattina durante quest'ora prima di cominciare la lezione c'è il pledge (sul dizionario viene tradotto con "impegno solenne") alla bandiera americana. In pratica tutti ci alziamo in piedi rivolti verso la bandiera americana (che è presente in tutte le classi), si mettono la mano sul cuore e dicono: "I pledge allegiance to the flag of the United States of America and to the Republic for which it stands, one nation, under God, indivisible, with liberty and justice for all". Quanto è americana sta cosa?! Beh io non so molto bene cosa devo fare in questo momento, mi alzo in piedi e basta però credo che imparerò questa frase e la dirò anche se non metterò la mano sul cuore perchè comunque sia rimango un'italiana. Voto attuale: B (87%)

2nd period, PHYSICS: bene credo che guardano il mio orario fino a questo punto possiate chiedervi se vado ad uno scientifico, invece no! Vado a un linguistico, peccato che qui come lingue straniere ci sia solo spagnolo e io naturalmente studio francese e tedesco! Tornando a noi, per ora è una difficoltà media e riesco a fare quasi tutti i problemi, vedremo poi! Tra l'altro sono tutte cose che avrei fatto in Italia quindi spero con tutta me stessa che in questo modo non avrò l'esame di fisica. Il prof è abbastanza giovane anche se serio. La prima domanda che mi ha fatto è stata chi odiamo noi italiani. Io ho risposto i francesi anche se non ero proprio sicura che fossero quelli che sono più odiati dagli italiani. Poi mi ha anche detto un giorno "mi dispiace che tu sia finita qui, se io volessi andare negli Stati Uniti vorrei andare in posti tipo NY o LA, qui invece sei nel bel mezzo del nulla!" ahah grazie mr. Shireman! Voto attuale: A+ (100%)

3rd period, US History: ogni giorno guardiamo le "CNN student news" prima di cominciare la lezione. Il prof a dir la verità non è molto bravo a spiegare...comincia, si mette a fare un esempio e si ritrova a fare sondaggi del tipo "siete mai stati dalla polizia per un controllo?" o "conoscete qualcuno che è in prigione?". Ogni tanto facciamo lavori di gruppo e quindi quest'ora passa abbastanza velocemente. Voto attuale: A+ (100%)

4th period, INTRO 2D: in pratica arte. Il prof è pazzo ma fa morire dal ridere per lo meno. Vi riporto verbatim (nuovo vocabolo imparato in inglese, parola per parola) quello che mi ha detto oggi:
"So how do you like the USA?"
"I like it"
"Oh, do you watch Jersey Shore?"
"Mmm..yes, sometimes"
"Well, I hope for you that you're not gonna become a Snooki because that's how Italian people becomes when they come to the USA"
-.-
Voto attuale: A+ (100%)

B Lunch: pranzoooo! C'è l'A e il B, io ho il secondo insieme a Bethany. Ci siamo sempre portate il cibo da  casa e credo che farò così per tutto l'anno perchè il cibo della mensa ha un aspetto disgustoso. Comunque sia si, è proprio come nei film. Ci sono tavoli per tutti i tipi di persone. Ai lati ci sono tavoli tipo da 4 dove tutti i fidanzatini si mettono e al centro tavoli più grandi.

5th period, WORLD HISTORY: l'ho scelta perchè pensavo mi potesse servire per la scuola italiana ma diciamo che non c'ho proprio azzeccato perchè stiamo studiando l'era glaciale e questo l'ho studiato alle medie. Credo proprio che non lo farò più nel secondo quadrimestre. Tra l'altro questo prof parla a voce abbastanza bassa e quasi non muove la bocca quando parla quindi faccio un po' fatica a capirlo e non capisco assolutamente le sue battute. Voto attuale: B+ (89%)

6th period, NUTRITION & WELLNESS: in pratica cooking lesson. E' divertentissimo. Questa settimana abbiamo fatto la "salsa" che sarebbe quella salsa messicana che mangi con i nachos. Dovremmo avere anche in Italia una materia del genere! Purtroppo dura solo un semestre :( Voto attuale: A+ (100%)

7th period, ENGLISH: comincio subito dal mio voto attuale: A+ (106%). Si, avete letto bene 106%. I am so proud of me ahah. Il prof è ok, è l'allenatore di football. Ogni volta che entri nella sua classe, ha Youtube acceso e ha detto che ogni settimana guarderemo insieme la lista delle canzoni più ascoltate su itunes. Abbiamo fatto due test di vocaboli che ci aveva detto di studiare in precedenza e sono stata una delle migliori (chebbrava sono?!?!), ho sempre preso il massimo dei punti. Tra l'altro non credo che abbia capito che sono un exchange student -.- vi spiego il perchè. In questa lezione c'è anche l'exchange student brasiliano. Ieri dovevamo correggere i compiti sui vocaboli e lui non gli aveva fatti tutti e lui fa "non ti preoccupare, conterò solo quelli che hai fatto nella percentuale" e poi rivolgendosi alla classe fa "eh si ragazzi perchè dovete capire che lui deve fare il doppio del lavoro, deve tradurre tutti i vocaboli nella sua lingua! Non ti preoccupare, se vuoi puoi portare il dizionario bilingue!". Anch'io ho fatto il doppio della fatica, per lo meno dammi un bonus! ahah vabbè meglio per me :)

Random facts about school:
-Non ho mai avuto problemi con i locker, ma credo sia solo perchè non ho una combinazione per aprirlo.
-Mi sono un po' persa i primi giorni, più che altro non riuscivo mai a trovare il corridoio dove c'era il mio armadietto! Ora che conosco più gente riesco ad orientarmi a seconda della gente che trovo in ogni corridoio
-Ci sono state ragazze che sono venute a scuola il primo giorno di scuola con i tacchi così come c'è gente che viene a scuola con calze e ciabatte
-Ci sono un sacco (e quando dico un sacco intendo un buon 50%) di persone fidanzate che vanno in giro mano nella mano
-Cheerleader+giocatore di footbal sono davvero la coppia con la c maiuscola
-Le cheerleader non hanno una buona reputazione anche se a dir la verità ne conosco tre e sono tutte normali e carine
-Ogni volta che c'è un "game" la squadra deve andare a scuola con la stessa maglietta. Noi soccer girls abbiamo una maglietta nera con davanti scritto "North Harrison Soccer" e dietro il nostro numero (il mio è 22) e questa frase "Forget about it princesses, neither Cinderella is going to get to this ball" (è un gioco di parole basato sul doppio significato di ball, palla e ballo).
-Per la cronaca. Ci sono ragazzi carini.

Passo e chiudo, questo post è troppo lungo. Vi capisco se non siete riusciti a leggerlo tutto!
A presto!
Simo

sabato 11 agosto 2012

First Days in Indiana

Eccomi qua ancora, come promesso :)
Finalmente vi riesco a parlare del mio arrivo in Indiana. Partiamo da dove eravamo rimasti. Alle 3.15 ero nella hall e dopo un mega caffè americano siamo andati all'aeroporto. Io e una ragazza belga eravamo le unica che sarebbero partite dal terminal C e tra l'altro eravamo entrambe dirette a Louisville quindi non mi sono dovuta fare tutto il viaggio da sola. Siamo arrivati praticamente tre ore prima dell'orario di imbarco e naturalmente non c'era niente aperto quindi siamo state tutto quel tempo a far niente. Il volo per me è stato cortissimo, ho dormito un'ora e mezza su due ahah Tra l'altro quell'aereo era il più piccolo su cui fossi mai stata: c'erano solo due file una da due e una singola, in più era mezzo vuoto...saremmo stati massimo 30 persone. Poco prima di atterrare a Louisville il pilota ha fatto un giro strano e siamo passati sul confine tra Indiana e Kentucky che sono divisi dal fiume Ohio. Scese dall'aereo, ancora prima di prendere le valige, ci siamo trovate davanti le nostre hostfamilies. C'erano Denise e Darrell con un cartellone con scritto "welcome to USA Simona" e la mia coordinatrice locale. La prima impressione è stata assolutamente positiva ed ero davvero contenta di averli finalmente incontrati di persona. Purtroppo Bethany non è potuta venire a prendermi perchè aveva gli allenamenti di pallavolo, ma l'avrei comunque incontrata dopo poco. Il viaggio in macchina verso casa è durato poco e abbiamo parlato tanto (per fortuna l'emozione mi ha risparmiata dall'impappinarmi). La casa è molto isolata, completamente immersa da alberi, alberi e alberi ma mi piace...presto poi vi farò un post proprio sulla casa ;) Appena entrati Sophie, la loro cagnolina, ha cominciato a farmi un sacco di feste e c'è voluto un bel po' per riuscire a "liberarmi", così mi hanno fatto fare un giro della casa e mi hanno lasciato un po' di tempo per mettere a posto le mie cose. Dopodiché io e Denise siamo andate a prendere Bethany a scuola e così ho visto per la prima volta la mia High School dove siamo poi ritornati il pomeriggio per iscrivermi a soccer e decidere la mia schedule. Bethany mi ha aiutato a scegliere i corsi migliori e mi ha assolutamente sconsigliato di prendere Honors English perché il prof è un pazzo e pretende davvero tantissimo...bah alla fine probabilmente quello che è pretendere tanto per loro non corrisponde esattamente alla mia definizione ma mi sono lasciata convincere. Ecco a voi il mio orario per il primo quadrimestre:
1st period: Trigonometry
2nd period: Physics
3rd period: US History
4th period: Intro to 2D
LUNCH
5th period: World History
6th period: Nutrition & Wellness
7th period: English
Ah, mi sono dimenticata di precisare che non sono nell'ultimo anno ma sono una Junior. All'inizio devo ammettere che ci sono rimasta un po' male ma alla fine sono contenta comunque anche se non farò la graduation ceremony. 
Tornando a noi, la giornata si è poi conclusa con una cena speciale per il mio arrivo e anche per quello di Kendall, il mio hostbrother che ha passato tutta l'estate in giro per gli Stati Uniti lavorando per una sorta di campo estivo per i futuri studenti della sua università se non sbaglio.  E' stata una bella giornata ma anche parecchio stancante quindi sono andata a letto molto presto. Il giorno dopo siamo andate a comprare le cose che mi servivano e a trovare la nonna all'ospizio (completamente diverso da quello che un italiano si immagina). Dopo aver mangiato fuori abbiamo passato tutto il pomeriggio a casa, quindi devo dire che è stata una giornata mooolto tranquilla. Nonostante questo sono crollata alla 10, ancora prima che Bethany tornasse dal lavoro. La domenica, di mattina siamo andati in chiesa e poi finalmente shoppinggggg :D Ho provato una decina di vestiti vari da Forever 21 ma neanche uno mi andava bene... non esistevano le xs :S Anyway qualcosina ho preso oltre alle varie cose che mi servivano per soccer (si alla fine ho scelto di fare soccer!). Tornando alla chiesa, ci vorrebbe un intero post per descrivere bene tutte le diversità che ci sono in confronto a quelle che siamo abituati in Italia. Prima della messa ci si divide in gruppi in base all'età e qui ho avuto l'occasione di conoscere la migliore amica di Bethany, Hanna, che sembra davvero simpatica e altri ragazzi. Dopo siamo andati nella chiesa vera e propria che era composta da un palco con un sacco di strumenti tipo batteria, chitarra, microfono eccetera...sembrava che si stessero preparando per un concerto; difatti è proprio in questo modo che è cominciata la "messa": canzoni a tema religioso che tutti cantavano seguendo le parole da due grandi schermi ai lati del palco...sembrava di essere ad un karaoke ahah Poi dopo c'è stata una lunga predica e ad un certo punto prima della comunione hanno fatto passare due vassoi, uno con pezzettini di pane minuscoli e un altro con bicchierini minuscoli di succo d'uva. Questo è il modo in cui intendono loro la messa, il che è abbastanza divertente! La sera poi è venuta un'amica di Bethany, Kennedy, a dormire e ci siamo viste Paranormal Activity 2...so scaaary!!! E' stata una bella serata, ho insegnato a Bethany a dire gnocchi e ha continuato tutta la sera a dire gnocchi ahha Lunedì dopo essermi comprata finalmente il mio Iphone per 50 dollari (<3) sono andata a fare la visita medica per poter partecipare alle attività sportive. Anche in questo, differenze abissali con l'Italia. Se in Italia non ti controllano neanche e firmano semplicemente il certificato, qui prima di ricevere il certificato mi hanno pesato, misurato l'altezza, fatto un test oculistico, test delle urine, fatto fare alcuni esercizi e fatto mille domande. Trovate qualche differenza?!
Subito dopo aver preso il certificato sono andata ai miei primi allenamenti di soccer. Il campo da soccer è abbastanza isolato e mano a mano che ci avvicinavamo al campo si vedevano teste voltarsi e gente che salutava. A quanto mi hanno detto poi, mi aspettavano da un po' ahah difatti sono arrivata un'ora in ritardo quindi ho fatto metà allenamento. Tutte sono state carinissime con me e anche se tutte mi hanno detto il loro nome più volte faccio ancora molta fatica a ricordarmeli tutti! A mia difesa posso dire che devo ricordarmi anche gli altri vari nomi delle persone che ho incontrato a scuola ahah
L'ultimo giorno di vacanza è stato abbastanza noioso. Non avevo gli allenamenti ma Bethany si e poi doveva andare al lavoro. Io, Kendall e un suo amico che era appena tornato dall'Afghanistan l'abbiamo accompagnata e abbiamo mangiato li. E' stato un viaggio molto divertente ahah Siamo arrivati alle cento miglia all'ora con musica a volume altissimo (avevo le orecchie tappate). A tutto questo aggiungete due particolari: chi guidava vuole diventare un pastore e eravamo nel bel mezzo della campagna.
Il giorno dopo...
Ora chiudo, domani mattina dovrei avere un po' di tempo prima della partita di soccer e vi parlerò del primo giorno di scuola finally :)
P.S: non credo che vi scriverò così frequentemente in futuro, miro ad un post a settimana...vedremo!!
Bye guysss!

venerdì 10 agosto 2012

Leaving Italy+Ministay NY

Ciao a tutti dall'Indiana!!
Qui sta andando tutto benissimo :) Molti si saranno probabilmente chiesti se ero morta ma invece no! Ho solo avuto dei problemini tecnici con il mio computer. Sono arrivata in Indiana esattamente una settimana fa e spero di riuscirvi a raccontare come sta andando tutto mano a mano. Ora vi voglio parlare della scorsa settimana, ovvero quando ho lasciato l'Italia e sono arrivata a New York. Spero vi piacerà questo primo post in diretta dagli States ;)

Come probabilmente sapete il 31 Luglio è stato il giorno della mia partenza. Al contrario delle mie aspettative la notte prima sono riuscita a dormire piuttosto bene; nonostante le mie emozioni e ansie la stanchezza ha avuto la meglio. La mattina poi siamo arrivati a Malpensa molto prima dell'orario in cui ci saremmo dovuti incontrare con quelli della WEP e dopo un po' sono arrivato due mie amiche (se state leggendo voglio che sappiate che ha significato davvero tanto per me, i love you girls <3) e da li il tempo è passato davvero in frettissima. Il momento degli ultimi saluti è stato completamente ricoperto di lacrime e devo ammettere che se ancora ci ripenso mi vengono le lacrime agli occhi. Ed eccomi pronta a partire anche se in quel momento non mi sentivo davvero prontissima.
Abbiamo fatto uno scalo di tre ore a Monaco e da li è cominciato il vero viaggio che è stato davvero lungo, soprattutto perchè a me e alla Giulia non funzionava bene lo schermino e quindi non potevamo scegliere cosa guardare -.- Dopo queste nove ore di volo eccoci arrivate sul suolo americano :) Dopo i soliti controlli all'immigration e dopo aver salutato Stefania (che doveva aspettare un altro volo per Phoenix), abbiamo incontratoMichele, ragazzo della WEP che si occupa del gruppo italiano durante il Ministay, e dall'aeroporto siamo andati al Jersey Gardens. L'outlet era fantastico, ci sarebbero stati così tanti negozi in cui andare ma avevamo a malapena un'ora e mezza -.- Diciamo che ho comunque portato a casa il mio bottino: una cannottiera di abercrombie a 7 dollari (are you kidding me?!), pantaloncini e maglioncino di Gilly Hicks :)
Dopo siamo andati in albergo e devo dire che era davvero fantastico: connessione wifi gratuita, camere enormi, colazione gnamm con waffles, bagels, muffin and so on :)

Il vero primo giorno a New York è stato bello intenso e come potrete immaginare mi sono innamorata di New York <3 Abbiamo visto gli UN headquarters, la Gran Central Station  e poi siamo saliti sul TOP of the ROCK dove la vista era veramente bellissima...vedere davanti a sé l'Empire State Building e lo Skyline di Manhattan dopo averlo sognato per così tanto tempo è stato davvero un'emozione unica. La prossima volta che andrò a NY voglio assolutamente salire sull'Empire di sera (si Mary ho problemi di identità). Dopo siamo andati sulla 5th e tra Apple Store e foto di rito da Abercrombie il tempo è passato davvero velocemente. Siamo andati poi al Columbus Circle e li guardando in una via indovinate cosa ho visto....l'Empire Hotel, dove abita il mio Chuck!!!!! <3 Abbiamo mangiato qui al Columbus Circle dove c'era questo un Whole Food Market che è una sorta di self service con cibo SANO (notare questo aggettivo). Dopo aver passeggiato per Central Park durante il pomeriggio, alle CINQUE e QUARANTACINQUE siamo andati a mangiare in un posto davvero carino a Times Square, il Bubba Gump. Tutto il ristorante era dedicato a Forrest Gump e sembrava di essere in una barca, unico piccolo particolare in più è che c'era una vista bellissima di Times Square :) Dopo siamo andati a vedere il Marriott hotel li vicino che aveva tipo quarantacinque piani e l'unico modo per salire ai diversi piani era prendere questi ascensori vetrati velocissimi, ve lo consiglio assolutamente (tranne a quelli che soffrono particolarmente di vertigini ahah)...mano a mano che salirete sentirete le orecchie tapparsi proprio come in aereo e se ci fai caso quando sei al quarantaseiesimo piano senti il pavimento tremare leggermente. Then ci siamo fatte un giretto per Times Square :) Ci siamo messe a parlare con un italiano che studiava li e siamo entrate da Forever 21...probabilmente uno dei negozi più grandi che abbia mai visto!

Il secondo giorno non è stato sicuramente meno intenso del primo! Abbiamo visto il Flatiron Building, Chinatown, Wall Street e Ground Zero oltre a farci una passeggiata sul ponte di Brooklin...peccato ci fossero dei lavori in corso e quindi solo in alcuni punti si poteva vedere il panorama! Ma la parte più bella è stata sicuramente la Shark Speedboat: andava velocissimo, musica a tutto volume, ti sparavano acqua fino ad arrivare al vero simbolo di New York, la Stuatua della Libertà :) Da rifare assolutamente prima o poi anche se sono scesa mezza fradicia!! :) Dopo siamo andati a farci un giro per Soho e siamo andate a fare un giro per negozi sulla Broadway anche se siamo tornate a mani vuote! Beh, per lo meno io e la Giuli abbiamo avuto l'onore di vedere Mike di Jersey Shore, cosa che sicuramente racconteremo ai nostri nipoti ahah (naturalmente non dovete prendermi sul serio, just kidding). A questo punto era ora di tornare all'albergo per rimettere a posto le valige e per passare gli ultimi momenti insieme prima di andare ognuno verso la sua destinazione finale. Abbiamo passato la serata a far dire alle ragazze belghe delle parole non proprio carine spacciandole per frasi che si dicono quando si esce da un negozio ahahah
Io ero nel primo gruppo di partenze e questo voleva dire che ci dovevamo trovare alle 3.15 di notte nella hall dell'albergo. Credo di aver dormito un'ora e mezza al massimo ma mi sono rifatta sull'aereo ahah
Credo che per oggi concluderò qui :) Nel prossimo post vi parlerò finalmente della mia nuova vita qui in Indiana. Se volete vedere le foto di New York eccovi qui il link: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.4022966546986.151624.1666147548&type=3
Vi scriverò molto molto presto, il prossimo post è praticamente finito quindi domani sera dovrei già riuscire a pubblicarlo ;)
Ciao a tuttiii! Vi lascio con questa canzone ;)



lunedì 23 luglio 2012

Ultima settimana italiana. USA più vicini che mai.

Ciao a tutti!
Non sono ancora partita e già capisco che sono una pessima blogger. Questo post lo comincio così. La verità è che non ho mai voglia di scrivere, magari comincio un post ma poi mi perdo via e rimane inclompleto..risultato: non pubblico niente. Ma oggi ho deciso di impegnarmi ed eccomi qua, pronta a scrivervi per celebrare un anniversario importante. Ebbene si, tra esattamente una settimana a quest'ora sarò sul un aereo direzione Newark. Le info sul volo mi sono arrivate pochi giorni fa: mi dovrò trovare a Malpensa alle 9 di mattina e poi il mio volo partirà alle 11:05. Faremo scalo a Monaco di Baviera e poi alle 18:30 arriveremo a Newark. Il 31 tra l'altro avrò una sorta di comitato d'addio e non posso non pensare a quanto piangerò e a quanto sarò triste di lasciare tutte le persone a me più care.
Di momenti di tristezza ne sto vivendo anche ora anche se forse l'ansia da preparativi mi fa distrarre un pochettino. Difatti, sono in piena fase "ansia-da-valigia-in-cui-non-ci-potrà-mai-stare-tutto-quello-che-voglio-portare". Perfortuna la WEP mi ha informato che, al posto di 20 kg, potrò portarne ben 23: a molti questa differenza potrà sembrare non degna di nota, ma solo noi exchange students possiamo capire quanto faccia la differenza quando uno si deve portare sia vestiti invernali (solo un giubbotto pesa 1 kg) e vestiti estivi! Poi grazie alla mia fantastica valigia ultralight della Samsonite ho un sacco di spazio :)
Lunedì poi ho dedicato un intero pomeriggio alla ricerca dei regali per la famiglia (+ uno fantastico per me :P) e posso dirmi pienamente soddisfatta. Come sapete la mia famiglia ospitante è composta da 4 persone: la madre, il padre, il fratello di vent'anni e la sorella della mia età. Alla hostmum ho preso un libro di ricette italiane e un calendario di Milano con immagini davvero bellissime, al padre una maglietta officiale della Ferrari, al fratello il pallone da calcio ufficiale della nazionale italiana mentre a Bethany (hostsister) una borsa di quelle con scritto diecimila volte "MILANO" (che io personalmente non userei mai, ma questi sono particolari!) e la maglietta ufficiale della nazionale italiana di calcio (si lo so che è da ragazzo ma intanto non credo a lei interessi molto). Poi credo che mi farò inviare un po' di cibo italiano (principalmente per me ahah) però questo più avanti! :)
*WARNING* Ora passiamo al mio resoconto psicologico. Eccoci quasi alla partenza, in tanti mi chiedono "come ti senti?". E se io rispondessi a tutti che non lo so?! Perchè è proprio così...non riesco a spiegare come mi sento. Da una parte ho una voglia immensa di partire e secondo me è questo che dimostro alla maggior parte della gente ma forse la verità è che più mi avvicino più sono triste, ansiosa. Ora come ora se mi chiedessero se ho voglia di partire risponderei "si, ma non ora. Tra un mesetto potrebbe andare!". Non sto assolutamente dicendo che mi stia pentendo della mia scelta, assolutamente. E' solo che vedere l'inizio di questa avventura così vicino mi mette una specie di paura (non credo sia la definizione più adeguata, ma non so proprio come spiegarlo), forse non più di tanto riguardante quello che mi aspetta li ma per quello che lascio qui. Bene, dopo questa descrizione che potrebbe essere definita solamente come incasinata (vi avevo avvertiti u.u), credo abbiate ben capito che l'unica cosa che so per certo è che ho un gran caos dentro di me.
Non so se riuscirò a scrivervi prima della mia partenza (diciamo che non so se troverò la voglia)..mi piacerebbe molto scrivere un post "notte prima della partenza" :) Nel caso, ci risentiamo dagli States people!

Byeeee!
Simo




"We won't say our goodbyes, you know it's better that way
We won't break, we won't die
It's just a moment of change
All we are, All we are, is everything that's right"

One Republic-All we are  

venerdì 15 giugno 2012

45 GIORNI.

Ciao a tutti,
è da secoli che non scrivo, scusatemi! Da una parte volevo aspettare di avere un po' di news ma quando sono arrivate avevo troppe cose da fare. Ma oggi, appena tornata da quattro giorni fantastici a Rimini con 4 amiche, sono pronta ad aggiornarvi.
Come avrete capito, mi hanno confermato la data di partenza. Il 31 Luglio. Quel giorno prenderò il mio aereo per New York con Giulia e tutto cambierà. Passerò 4 giorni a New York e il sogno di tutta la mia vita si realizzerà. Il 3 Agosto mi aspetta un altro volo, questa volta quello finale che mi porterà finalmente in Indiana. Sarà un giorno pieno di emozioni, tanto forti quanto quelle che mi aspettano il 31 Luglio. Oltre ad essere il compleanno di mia mamma (forse il primo distanti), incontrerò la mia famiglia ospitante: quella famiglia che il lontano 19 Febbraio mi hanno scelta, quella famiglia a cui devo la realizzazione del mio sogno. Ad oggi mancano esattamente 45 giorni. Che dire? Il giorno in cui ho deciso di iscrivermi al programma sembra così lontano rispetto a quanto vicino sembra la data di partenza. Quest'anno scolastico è passato così velocemente (beh, diciamo che non sempre sembrava così) e forse devo ammettere che non mi rendo ancora conto appieno che in meno di due mesi tutto cambierà. La mia vita, la mia routine. Lascerò tutte le cose a me più care per andare in un po' di cui so poco e dove le certezze non sono molte. Ok, ora sto diventando drammatica, sembra che debba dire ADDIO all'Italia ma in realtà so che è solo un ARRIVEDERCI. Nel frattempo sono già cominciati i saluti. Oltre ad alcuni dei miei compagni di classe, anche la mia Tonnina, che è volata in Nuova Zelanda per due mesi e arriverà giusto pochi giorni dopo il mio arrivo negli States. Lei è una delle persone che mi mancherà di più e salutarla così presto è stato strano, non mi rendevo conto che non l'avrei vista per ben un anno, ma prima di vederla qualche lacrima è scesa pensandoci.
Venerdì prossimo ho appuntamento al consolato di Milano per farmi dare il visto. Infatti, settimana scorsa ho passato un bell'intenso pomeriggio a completare i vari moduli e pagamenti  per la richiesta. Fortunatamente il completamento del temuto ds-160 è durato meno del previsto..un'oretta ed avevo finito ;) Questa del visto è una delle mille cose che devo fare prima di partire...contate che sono già impanicata per la valigia :S Alla fine ho comprato una valigia gigantesca e un trolley piccolo del Samsonite Superlight così d'avere tanto spazio e allo stesso tempo una valigia non troppo pesante :) Poi devo ancora fare il test tubercolinico e farmi venire delle idee per i regali...sono aperta a suggerimenti!!!
Bene, ora vi saluto! :)
A prestooo!

venerdì 25 maggio 2012

Bloglovin'

<a href="http://www.bloglovin.com/blog/3751210/no-matter-where-you-are-the-moon-is-n?claim=wa2jh9n8py5">Follow my blog with Bloglovin</a>